Emorroidi

Le emorroidi sono normali componenti del nostro corpo presenti nel canale anale e a livello della giunzione ano-rettale. Si tratta di tessuto connettivo e muscolare estremamente ricco di vasi sanguigni ed organizzato in tre “cuscinetti”, con una diversa posizione (sinistro, anteriore destro e posteriore destro) attorno al canale anale. Al termine della defecazione, riempiendosi di sangue, questi contribuiscono alla pressione della chiusura anale, che è di fondamentale importanza nella continenza fecale.

La patologia emorroidaria è piuttosto comune. Numerose concause possono contribuire all’insorgenza della patologia emorroidaria, che vanno dalla predisposizione individuale, alla dieta e allo stile di vita.

I sintomi della patologia emorroidaria variano a seconda della sua gravità, dalla semplice sensazione di prurito e fastidio nella zona perineale, al sanguinamento, fino al prolasso.

Tali sintomi, e in particolare il sanguinamento, non devono essere sottovalutati: nel caso si presentino è sempre buona norma rivolgersi al proprio medico. È infatti necessario sottoporsi a una visita e a specifici esami per verificare che si tratti effettivamente di patologia emorroidaria, e nel caso intraprendere il trattamento più opportuno, ed escludere l’eventualità che i sintomi siano dovuti ad altre patologie, potenzialmente più gravi, del colon e del retto.

CHE COSA SONO?

Il termine emorroidi viene comunemente usato per definire una patologia. In realtà, le emorroidi sono una normale componente del canale anale: sono dei cuscinetti dall’aspetto spugnoso, molto ricchi di vasi sanguigni, situati nella parte terminale del retto e dell’ano.

La patologia che le riguarda, chiamata più propriamente sindrome emorroidaria, è dovuta alla dilatazione delle vene del reticolo della mucosa anale: si presentano rigonfie, e, talvolta, possono sanguinare. Questo può comportare l’alterazione delle normali funzionalità di continenza e di evacuazione.

  • Schubert MC, Sridhar S, Schade RR, Wexner SD. What every gastroenterologist needs to know about common anorectal disorders. World J Gastroenterol. 2009 Jul 14;15(26):3201-9.

CLASSIFICAZIONE

La classificazione delle emorroidi si basa sulle loro dimensioni, sul posizionamento e sul grado delle stesse:

Emorroidi di I grado: si trovano all’interno del canale anale e di conseguenza non sono visibili, se non tramite esame specifico. Sono generalmente indolori e chi ne è affetto si rende conto della loro presenza solo in caso di sanguinamento.

Emorroidi di II grado: si trovano all’interno del canale anale, prolassano all’esterno durante l’evacuazione per poi rientrare in modo spontaneo. Sono presenti sanguinamento e fastidio.

Emorroidi di III grado: prolassano persistentemente all’esterno del canale anale ed è necessaria una manovra manuale di riposizionamento per farle rientrare all’interno.

Emorroidi di IV grado: non sono riposizionabili all’interno del canale pertanto non sono riducibili e, generalmente si accompagnano a fenomeni di natura infiammatoria con congestione locale.

  • Schubert MC, Sridhar S, Schade RR, Wexner SD. What every gastroenterologist needs to know about common anorectal disorders. World J Gastroenterol. 2009 Jul 14;15(26):3201-9.
  • Lohsiriwat V. Treatment of hemorrhoids: A coloproctologist's view. World J Gastroenterol. 2015 Aug 21;21(31):9245-52.

QUALI SONO I SINTOMI?

I sintomi variano a seconda del grado della patologia. Generalmente, questi sono: 

  • Sensazione di fastidio e pesantezza a livello anale;
  • Prurito;
  • Sanguinamento;
  • Prolasso;
  • Dolore.

Il sanguinamento e il prurito sono i sintomi che i pazienti riferiscono più frequentemente.

  • Schubert MC, Sridhar S, Schade RR, Wexner SD. What every gastroenterologist needs to know about common anorectal disorders. World J Gastroenterol. 2009 Jul 14;15(26):3201-9.

CHI NE SOFFRE?

La patologia emorroidaria è molto frequente: si stima colpisca dal 39 al 52% della popolazione adulta.

I principali fattori di rischio sono: 

  • Stipsi: la stitichezza, con l'aumento degli sforzi della defecazione, favorisce la comparsa della patologia; 
  • Stile di vita: lavori o sport effettuati per lunghi periodi in posizione seduta (come accade ad autisti, ciclisti, motociclisti o a persone che svolgono lavoro da ufficio) favoriscono l’insorgenza di emorroidi; 
  • Diarrea cronica: la diarrea può aggravare la patologia emorroidaria irritando l'ano e provocandone l'infiammazione; 
  • Dieta povera di fibre
  • Gravidanza
  • Vita sedentaria
  • Peery AF, Sandler RS, Galanko JA, Bresalier RS, Figueiredo JC, Ahnen DJ, Barry EL, Baron JA. Risk Factors for Hemorrhoids on Screening Colonoscopy. PLoS One. 2015 Sep 25;10(9):e0139100.